Come superare la gelosia ossessiva

 

E’ bello vedere una coppia di innamorati felici che passeggiano mano nella mano per le strade di Roma, molto meno lo è vederli litigare.

Molto spesso si litiga per un sentimento ostico alla maggior parte delle coppie sposate e non: la gelosia ossessiva o la possessività!

gelosia nella coppia

La gelosia o “possessività” consiste nel bisogno irrefrenabile di “possedere” o controllare i comportamenti e i modi di dire del proprio partner e nel non lasciarlo libero di esprimere qualsiasi apprezzamento carino nei confronti di altri/e ragazzi/e, se non per se stessi; ma significa anche esagerare nel spiare i comportamenti del partner, i suoi messaggi sul cellulare o di posta elettronica se si conosce la sua password, vuol dire anche inventarsi i più strani stratagemmi per cercare di arrivare allo scopo che è sempre quello: controllare, attraverso un desiderio ossessivo-compulsivo, che quel partner sia solo mio e di nessun altro/a.

Dal mondo dello spettacolo ma anche da quello reale vengono continuamente a noi propinati degli esempi di coppie che “soffrono” di questa specie di malattia, se così la si può definire: numerosi film ma anche notiziari ci mostrano persone che finiscono addirittura per uccidere il proprio partner nel momento in cui questi sta per rompere il rapporto, pur di non lasciarselo scappare; oppure uomini che, una volta finita la storia d’amore con la loro amata, diventano dei veri stalker, pronti a spiare se la loro ex ragazza si sta per frequentare con un altro uomo, pronti a minacciarla di ucciderla, a controllarla in qualsiasi suo movimento, al lavoro, a casa, quando esce con le amiche e ovunque vada; e ancora quante volte abbiamo sentito parlare per bocca di gente che conosciamo di essere troppo gelosa o invadente nella vita del proprio partner per il solo timore di perderlo a causa di corna o altro?

Libertà di scegliersi ogni giorno

Ebbene ci sono persone che non si rendono conto di essere possessivi, forse se ne rendono conto solo quando arrivano ad estenuare il proprio compagno o la propria compagna, ma il fatto è che da parte loro non c’è nessun desiderio di cambiare, di essere una persona “normale” che lascia libero il proprio amoroso di fare ciò che vuole e dire ciò che desidera, pur di rispettare e tenere integro il rapporto di coppia.

Questo desiderio di possessività, se all’inizio di una storia può essere valutato come una sorta di interesse e amore sconfinato da parte di una persona verso il proprio partner, poi col tempo rischia di far inaridire il rapporto perché la persona che viene controllata e spiata di continuo può accusare alla lunga il fastidio di sentirsi controllato da parte del compagno o della compagna che cerca di controllarlo a tutti i costi.

Vuoi per mancanza di fiducia, vuoi per qualunque altro motivo, spesso si finisce per rovinare una storia d’amore prima ancora che cominci, perché c’è chi ce l’ha già nel proprio carattere questo desiderio di possessività, o chi magari ancora non lo ha ma gli nasce in seguito, possibilmente a causa di una perdita di fiducia verso il proprio partner che,per ipotesi, in precedenza ha tradito la propria ragazza o il proprio ragazzo.

Quindi per evitare la recidività si rischia di diventare possessivi a più non posso, distruggendo ciò che in parte è stato distrutto con il tradimento dell’altro/a.

Come superare il problema?

In realtà chiunque sia convinto che esista un rimedio per porre fine alla “malattia” o al “vizio” della gelosia, può mettersi l’anima in pace e comprendere per bene che non esiste un vero e proprio rimedio a tale problema.

Semplicemente, prima di avventurarsi in un rapporto di coppia, bisognerebbe assimilare diverse regole fondamentali sulla libertà personale, affinché tale rapporto possa proseguire, ma la regola principale in assoluto su cui i più sono d’accordo è per certo una sola:avere FIDUCIA verso il proprio partner, qualsiasi cosa egli possa fare o dire, perché sbaglia chi crede che una storia d’amore si basa solo ed esclusivamente sull’AMORE.

Alcune volte questo sentimento può sfociare in gelosia e quindi, se questa eccede, si trasforma in possessività, e allora non è più questione d’amore ma di una malattia psicologica, una deviazione che spesso porta conseguenze negative...la separazione.

Alcuni esempi? La fine della storia e, nelle peggiori delle ipotesi, un omicidio passionale, come purtroppo accade troppo spesso.

Quindi, prima di iniziare un rapporto assicuratevi che prima del colpo di fulmine o dell’innamoramento o dell’infatuazione, ci sia soprattutto un rapporto fiduciario.