cuore infranto2Hai Bisogno di Aiuto?freccia destra

Contattaci per Assistenza!

Gestione della Separazione con un figlio minorenne

Essere genitore, si sa, è un compito assai difficile.

Nessuno può insegnarci come farlo e nessuno ci potrà indicare mai la ricetta giusta per farlo nel migliore dei modi. Se poi ci si mette anche la questione della separazione e la presenza di un figlio minorenne, allora il gioco diventa inevitabilmente più duro.

Come prima cosa, è giusto dirlo, il genitore non deve mai darsi la colpa per la separazione. Nella maggior parte dei casi infatti la decisione del divorzio risulta inevitabile e sottoporre un adolescente ad un continuo scenario di guerra domestica è totalmente sconsigliabile.

Raccomandazioni per i figli

Come se non bastasse, inoltre, abbastanza spesso avvenimenti di questo genere determinano disturbi nel normale processo di crescita del ragazzo. Affinchè ciò non avvenga, tuttavia, necessario è sottolineare alcune raccomandazioni per una corretta guida alla separazione.

Il rapporto coniugale innanzitutto va alienato in tutti i sensi e sotto tutti i punti di vista da quello di genitore.

Inoltre, nel caso in cui si dovesse venire a creare la cosiddetta  “famiglia allargata” il figlio deve venire coinvolto in maniera graduale e ponderata.

Rapporto civile tra genitori separati o divorziati

I genitori dovranno poi mantenere un civile rapporto reciproco, e tentare in tutti i modi di far in modo che il ragazzo/l’adolescente non si senta in alcun modo colpevole della rottura tra i coniugi.

Detto questo, tuttavia, appare evidente come gli effetti della separazione non siano sempre gli stessi, ma varino di persona in persona, così come di situazione in situazione.

Figli Minorenni e Separazione consensuale

Come viene vista da un ragazzo minorenne la separazione dei propri genitori?

L’argomento risulta assai delicato e soprattutto abbastanza soggettivo. La difficoltà più grande, diciamolo subito, risulta quella dell’accettazione.

Per un ragazzo, infatti, soprattutto quando esso viene tenuto fuori dalle vere cause, non è affatto facile comprendere i perché di una separazione, soprattutto in virtù del fatto che i genitori vengono visti il più delle volte come figure idealizzate spesso invincibili ed indivisibili.

La domanda ora potrebbe essere: è giusto o controproducente mettere al corrente di tutto il proprio figlio? Anche questa risposta può variare di caso in caso.

Se le problematiche risultano essere troppo complesse si potrebbe provare però a tenere all’oscuro il ragazzo, anche se il rischio è quello di dare il via a una serie di dubbi nella testa di quest’ultimo che magari potrebbero portarlo a conclusioni errate.

Come dicevamo prima, infatti, la tendenza all’auto-colpevolizzazione è sempre in agguato.

Effetti della separazione

Quale sono gli effetti della separazione sul ragazzo? Non sempre un figlio di genitori separati subirà inevitabilmente profondi traumi.

Ciò di cui potete stare sicuri è che questo risulterà sicuramente più sensibile. Un’esperienza di questo genere, soprattutto vissuta nell’età della crescita, può portare infatti non solo a dei grandi cambiamenti caratteriali, ma soprattutto alla nascita di importanti insicurezze e continui sbalzi d’umore.

Cosa deve fare dunque un genitore?

Se la situazione non è irrecuperabile, la verità ancora una volta si presenta come la strada più efficace e soprattutto idonea a quasi tutte le situazioni. Nulla è insormontabile e con il necessario aiuto e supporto qualsiasi ostacolo può essere risolto superato.

Vinto il timore di una nuova situazione e superata la fase di auto commiserazione, la montagna infatti apparirà per tutti i ragazzi sempre meno spaventosa e sempre più facile da scalare. Con la forza di volontà e la consapevolezza della situazione nessuna sfida risulterà dunque impossibile.

Ricordate sempre la forza del dialogo. Qualsiasi sia l’interlocutore (un familiare, un amico, uno psicologo) parlarne con i giusti tempi e tranquillità è importante.